giovedì 16 febbraio 2017

In attesa.

Buona sera!

Nel pomeriggio, non avendo niente da fare, ho voluto fare una puntatina nel bosco per vedere come era la situazione.
Tomoko non poteva venire e quindi sono partito col botolo che, stranamente, non ha fatto obiezioni ed è salito in macchina lesto lesto.
Pomeriggio bellissimo e temperatura gradevole.
Per strada nessuno tranne un paio di macchine di camminatori con bastoncini Nordic Walking.
Così alle 15 siamo approdati in zona medio-alta (900 metri).
Ci siamo anche alzati un po' ma non si vede niente o quasi. 
Il terreno per ora è troppo compatto e in alcuni punti è ancora gelato sotto i primi 3-4 centimetri.
Bisognerà aspettare ancora qualche giorno per vedere un minimo di nascita, almeno lì.
Più in basso non sono andato perché dove bazzicavo io ormai sarebbe da scansare, non essendoci rimasto quasi niente dopo il disastro di due anni fa.
Tra qualche giorno cercherò di farci una scappata per vedere se lì ha mosso qualcosa, ma sinceramente ne ho poca voglia.

Allego le foto di un ritrovamento solitario ma, come detto, per quello che ho visto c'è ben poco.


 
Hygrophorus marzuolus



Un cordiale saluto a tutti!

mercoledì 25 gennaio 2017

Funghi del Giappone.

Buongiorno!



Nell’attesa che questa situazione infame (terreno gelato e pure innevato) si sblocchi magari con un po’ di pioggia a dolco (le ultime precipitazioni risalgono all’inizio del mese), torno a farmi vivo per segnalare il dono ricevuto oggi dal nostro grande amico del Gruppo Micologico di Sapporo (Hokkaido), grande isola del Nord del Giappone, il Signor Nobuo Harikae.

Che mi ha inviato, è arrivato oggi, una pubblicazione edita dal Gruppo suddetto nel decimo anniversario della fondazione (2003-2014), sotto la direzione della Presidentessa Signora Nakata Youko, in cui sono illustrate parecchie centinaia di specie di funghi (oltre 700) e di erbe reperite sul Monte Moiwa (Moiwa-yama laddove il suffisso sta appunto per “monte”), la collina-montagna (531 m.) che sovrasta la città di Sapporo, un po' come Monte Morello (che però è più alto) per Firenze.

Con la differenza però che là siamo in zona fortemente umida e con vegetazione molto più rigogliosa, mentre nel fiorentino il clima è più asciutto, due ambienti completamente diversi quindi.

Un volume ponderoso (500 pagine formato A4) corredato delle fotografie a colori di ogni specie rappresentata, il cui testo però è purtroppo scarsamente utilizzabile per chi non conosce il giapponese o per chi non abbia a disposizione un interprete come il sottoscritto.

Naturalmente molte delle specie riprodotte sono presenti anche da noi ma tantissime invece ci sono sconosciute e anche in Giappone le stanno scoprendo solo ora, dal momento che nel Sol Levante lo studio della micologia è partito molto in ritardo (almeno un secolo) rispetto all’Europa.

Comunque una bellissima pubblicazione e un motivo per rompere il silenzio a cui ci costringe il perdurare della stagione avversa.

Un cordiale saluto a tutti i Lettori ed ai nostri Amici Giapponesi!

Angiolo & Tomoko



Copertina

Ultima di copertina

Sapporo (Hokkaido), luglio 2011. Con Harikae-san.

Alla ricerca della Stropharia rugosoannulata.

Un bel gruppetto.

Il raccolto.

Foto ricordo.

Stadio olimpico 1972 di Sapporo. Aiuole a betulle. Ci nascono Porcini (Boletus edulis) e Ovoli (Amanita hemibapha).

Ed anche un sosia del Boletus aereus (B. hiratsukae), piuttosto scadente.


   


Ancora un cordiale saluto a tutti!

domenica 18 dicembre 2016

Si approssima il Natale e fa un bel freddo.

Buongiorno a tutti!

Ormai ci siamo.
Una settimana al Natale e due a Capodanno.
E, nell'attesa, è arrivato anche il freddo.
Anzi, il gelo.
Qui mi dicono che stamani all'alba si era a meno otto.
Con una stagione avara di piogge da ormai almeno tre settimane. 
Io non sono più tornato nel bosco, per poca voglia e anche perché Tomoko ha avuto e sta avendo un susseguirsi incalzante di impegni per concerti natalizi ed esibizioni varie di cori, orchestre, organi e pianoforti, e chi più ne ha più ne metta.
Con me e Camillo al seguito, quando possibile.
Il Blog è così rimasto un po' in disparte e quasi più nessuno viene a visitarlo, dall'Italia e dall'Europa.
Mentre, fatto inspiegabile, da USA e Russia è un crescendo rossiniano di accessi, diverse centinaia al giorno, per circa tre quarti del totale.
All'inizio erano partiti a 30 al giorno gli Usa e avevamo pensato ad un gruppo di studenti che navigava nel Web per impratichirsi della lingua, ma poi hanno raddoppiato, triplicato e oltre, a 7G.
Ora poi è arrivata, a valanga, anche la Russia ed il testa a testa in alcuni momenti è frenetico.
Raffiche computerizzate random (30 alla volta gli Yankee, 20 i Tovarish; a tutte le ore, anche in piena notte)? guerra elettronica? Grande Fratello? Echelon?
E che c'entrano i funghi?

Cercano dei messaggi in codice?
Da Oltre Manica invieranno l'Agente 007, con il fatidico incipit: Il mio nome è James, ....?
Se ci trovano stecchiti con una pistola in mano, non ci siamo suicidati (Camillo non ci pensa neanche), sia chiaro.
Che tanto chiaro non è, per cui l'unica cosa che ci vien da dire è....


Boh!,

imitando Emanuele da Grosseto.

Forse un giorno verrà un chiarimento, ma non sembra una cosa molto probabile.

Nel frattempo, a tutti voi e alle vostre Famiglie i migliori 


Auguri di
Buon Natale e Felice Anno Nuovo!!!









Molto cordialmente



Angiolo, Tomoko & Kamillen





   Appendice del 19 dicembre

    Visualizzazioni del Blog relative alle 24 ore, dalle 8 del 18 dicembre alle 8 del 19 dicembre:
    
Visualizzazioni "del giorno" alla stessa ora: Russia 448, Stati Uniti 250, italia 177, Polonia (anche loro?) 172.
Picco di 390 alle ore 3 del 19/12/2016